mercoledì 15 gennaio 2014

True Detective 1×01, “The Long Bright Dark”: la recensione


True Detective doveva essere il nuovo "Games Of Thrones" della HBO.
Doveva stupire il pubblico già dal primo episodio e doveva dimostrarsi di essere un nuovo macina ascolti.
Ora non so se riuscirà a fare somme da capo giro ma per quanto mi riguarda il primo obbiettivo è stato fallito.
Il pilot di True Detective non è così incisivo com'era il pilot di GOT.
Non abbiamo un finale che mozza il fiato e ci fa subito desiderare la prossima puntata: ed è proprio questo forse il vero problema dell'episodio.
Un pilot dovrebbe sia dare le basi per la storia facendoci capire di cosa parla il tutto e dovrebbe invogliarci a continuare la serie tuttavia non si ha voglia di vedere il seguito di True Detective.
Si resta confusi e si soddisfatti del prodotto appena visto ma senza un vero e proprio interesse.
Ma True Detective non è un telefilm da buttare: ci sono molti punti forti che si mostrano sin dalla prima mezz'ora.
La fotografia e i paesaggi della Luisiana che si presentano bellissimi e desolati.
Malinconici e allo stesso tempo affascinanti.
Un'ambientazione perfetta che fa da sfondo a un omicidio abbastanza spaventoso e onirico ripreso almeno in parte dalla serie di Hannibal.
Un plauso anche alla coppia dei due protagonisti:  Matthew McConaughey e Woody Harrelson.
I due impersonano due detective completamente diversi su tutti i fronti: religiosi, sociali e operativi.
Agiscono in modo diverso e in questo primo episodio dimostrano un'alchimia poliziesca quasi inesistente ma un'ottima alchimia scenica.
Andando a parlare dei personaggi in singolo vediamo un Woody Harrelson bravissimo ad interpretare un poliziotto nei ranghi e con una famiglia fantastica, almeno all'apparenza, che sembra anche avere un'amante.
Insomma un poliziotto da clichè.
Mcconaughey che generalmente non sopporto si ridimostra per me insopportabile impersonando un poliziotto troppo sopra le righe per i miei gusti e troppo marcato da una sceneggiatura che lo rende un..
folle?
Si.
è un folle e mi sembra altrettanto folle,quanta follia nel mondo, che gli sia dato un distintivo e che il personaggio di Harrelson lo protegga sempre.
Certo, durante il pilot capiamo il perchè dei suoi problemi ma il tutto risulta troppo marcato.
Insomma True Detective risulta si un buon prodotto ma per quanto mi riguarda non è IL prodotto che riporterà successo alla HBO.
Spero di sbagliarmi perchè gli ingredienti ci sono tutti.

Addio per ora e grazie di niente


Nessun commento:

Posta un commento